Uragano Katrina – 29 agosto 2005

Eventi dove la potenza distruttrice della Natura e’ devastate e sconvolgente. E nulla possiamo fare.
 
Era il primo mattino del 29 agosto, quando l’uragano Katrina fece il “landfall” sulle coste della Louisiana, con intensità di categoria 4 e venti ad oltre 200 km/h. Portò morte e distruzione, visto che si trattò del più grave uragano per i danni economici ed uno dei peggiori dal punto di vista delle vittime.
 
Dalla povertà alla ricchezza, da Haiti agli Stati Uniti. I disastri naturali non fanno distinzione di genere, disponibilità economica e razza.
New Orleans ancora ricorda la paura e il terrore di quei giorni, tra il 23 e il 30 agosto 2005, causati da uno dei cinque uragani più distruttivi al mondo. Più di ottomila persone hanno perso la vita in quei giorni e i danni stimati furono superiori agli 80 miliardi.
 
Katrina mostrò la fragilità di uno dei paesi più ricchi e avanzati al mondo, mettendo in crisi la presidenza, già duramente criticata dopo gli attacchi dell’11 settembre. Il sistema di prevenzione mostrò la sua inefficacia nel momento in cui l’intera città fu spazzata in un battito di ciglia e finì sotto le acque. Ad anni dal terribile disastro, sono ancora numerosi gli homeless che non hanno casa, i cittadini che vivono in case in cui sono ancora evidenti i danni dell’uragano.
 

Commenti chiusi