Cammino Muxia: O Logoso – Muxia

Giorno 52 – Cammino Muxia: O Logoso – Muxia
Km tappa 28 – km totali 1333 – Passi 2.380.000

Siamo a Muxia. Abbiamo raggiunto l’oceano😍
Partiti cinquantadue giorni fa da Malaga, nel sud della Spagna, lasciandoci il mare alle spalle… ora abbiamo l’oceano di fronte a noi.

Ma partiamo dall’inizio 😉
La mattina ci svegliamo presto, consapevoli che oggi sarà l’ultimo giorno di Cammino di questo lungo viaggio.
LauraM e Rossana, dopo l’attimo di crisi di ieri sera, oggi sono molto cariche e sicure di loro stesse.
Avendo passi diversi, ci accordiamo per incontrarci e aspettarci ogni dieci chilometri circa, così da vedere come procedono.
Dopo dieci chilometri tutto ok
Dopo venti chilometri… tutto ok!
Anzi… sono euforiche e stracariche. Iniziano a sentire qualche dolorino, ma sapere che mancano “solo” otto chilometri le rende felici. Hanno gli occhi che brillano di gioia.
E allora… via… ripartiamo 😍

Purtroppo, il sole che ci ha accompagnati per quasi due mesi oggi ha deciso di nascondersi dietro nubi nere e cariche di pioggia, che di tanto intanto scaricano su di noi secchiate d’acqua violente. E ovviamente non manca neppure il vento.
Camminiamo a testa bassa, e quasi ci perdiamo il primo scorcio di oceano dall’alto di una collina.
Mancano 6 chilometri… e l’oceano sparisce….
Mancano 5 chilometri…
Mancano 4 chilometri… e di tanto in tanto l’oceano appare in lontananza, per noi sparire nuovamente allo sguardo.
È solo quando siamo intorno al chilometro due che il sentiero inizia a scendere, facendoci attraversare una pineta dal fondo scivoloso… e infine aprirsi su una piccola spiaggia😍

Vorremmo fermarci un attimo, ma ha ripreso a piovere violentemente.
La cittadina di Muxia è davanti a noi. L’attraversiamo rapidamente e proseguiamo verso la punta estrema, dove la strada finisce per lasciare spazio solo alle onde.

Pioggia e vento forte.
È un arrivo tempestoso, con le onde che sbattono contro gli scogli. Davanti al “Santuario de la Vergin de la Barca” non c’è nessuno. Siamo completamente soli. Anche oggi. Anche qui all’oceano.

Non riusciamo a scattare foto. La pioggia e il vento sono troppo intensi per i nostri telefoni.
Eppure questo oceano burrascoso e questa pioggia, proprio qui, proprio all’oceano, hanno qualcosa di magico. Riflette un po’ le nostre emozioni e i nostri animi.

Ci sediamo davanti alla porta chiusa del Santuario, leggermente al riparo dall’acqua e ammiriamo l’oceano turbolento che si estende davanti a noi.

Siamo all’oceano, siamo arrivati.
Abbiamo concluso la nostra traversata della Spagna, Coast to Coast, dal mare all’oceano.

Ma ancora non abbiamo fatto tutto.
Abbiamo gli ultimi messaggi e le ultime lettere che ci avete assegnato. Ma non oggi… domani.. domani ci occuperemo dei vostri messaggi❤️

Siamo in attesa di LauraM e Rossana.
Ci mandano un messaggio. Manca un chilometro. Forza, ci siete quasi!
Ci alziamo dal nostro angolino riparato, ormai tremanti di freddo, e andiamo incontro alle nostre amiche.
Hanno gli occhi colmi di emozione. Le vediamo zoppicare e trascinare i piedi, ma proseguono. Anche loro ce l’hanno fatta. Sono arrivate.

Ci abbracciamo felici, con l’acqua che continua a cadere imperterrita, il vento che copre le nostre parole di gioia e le onde che continuano ad infrangersi violente sugli scogli davanti a noi ❤️

****************
PS: guardate che i racconti non sono finiti 😉
Domani vi racconto dei messaggi e delle lettere che ci avete affidato… poi vi devo dare appuntamento per Domenica 9 a Treviolo dove terrò la prima presentazione del mio libro “Jordan Trail”… ma soprattutto vogliamo condividere con voi il nuovo progetto e la nuova avventura che abbiamo già in mente 😍

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.