Pontremoli – dove finisce la Via degli Abati

Abbiamo raggiunto Pontremoli, tappa finale della Via degli Abati, che per noi coincide con la fine della Prima Sezione della Grande Traversata degli Appennini. “Posta su un pianoro circondato da colli e da monti, la cittadina è un piccolo scrigno di memorie artistiche e monumentali. Attraversare i suoi ponti medioevali, percorrere il lastricato delle sue vie è anche un modo per viaggiare indietro nel tempo raggiungendo un’epoca mitica…” Pontremoli è davvero un bellissimo borgo. Ad affascinarmi sono soprattutto gli antichi ponti in pietra, con la cittadina alle spalle. Le piccole viuzze del dentro, con le antiche insegne. I piccoli angoli…

Continua a Leggere

Pontremoli… arriviamo!

A metà tappa, tra Borgo Val di Taro e Pontremoli, abbiamo appuntamento con Carlo Zani, una guida bresciana che abbiamo conosciuto un paio di anni fa. Architetto e Creatore di Itinerari (di cui troppo spesso gli viene rubata la paternità – ma questo è un lungo discorso da affrontare in un post apposito), appena ha saputo della Grande Traversata degli Appennini, Carlo ci ha contattati per poter fare una tappa con noi. Ci siamo dati appuntamento a Cervara, un minuscolo paesino toscano, attraversato da due piccole vie. Ci sediamo su una panchina, inviamo un messaggio a Carlo per conoscere la…

Continua a Leggere

Le nebbie di Avalon

Ci mettiamo in cammino per l’ultima tappa della Via degli Abati, dove si conclude anche la Prima Sezione della Grande Traversata degli Appennini. La mattina ad attenderci c’è Simone – un amico che non vediamo da qualche anno – che subito ci offre due sacchetti colmi di torta di patate e torta d’erbi (ormai lo avete capito che sono la specialità della zona, vero? 😋) Anche oggi le previsioni sono nefaste. Quando manca poco al Passo Borgallo, una fitta nebbia ci avvolge, nascondendo tutto il paesaggio circostante. Stiamo camminando sul crinale dell’Appennino, e vediamo solo a pochi metri di distanza…

Continua a Leggere

Fatica, sicurezza, ed infine una cenetta gourmet 😋

Un altro temporale ci aspetta, prima di raggiungere Borgo Val di Taro. Le previsioni meteo annunciano temporali pesanti. Pertanto, anche oggi, scegliamo la variante bassa della Via degli Abati. Non lo avessimo mai fatto 😱 Alcuni tratti della variante bassa sono in pessime condizioni. Segnato e marcato, ma danneggiato. Alcuni punti sono messi in sicurezza da corde, necessarie per scendere e salire in punti dove ormai il sentiero è completamente sparito a causa delle piogge. Senza quelle corde sarebbe impossibile scendere (se non usando la mia mitica tecnica di sedermi a terra e lasciarmi scivolare verso il basso😅). Scesi a…

Continua a Leggere

GRANDE TRAVERSATA DEGLI APPENNINI – Sezione 2

Si parte per la Seconda Sezione della GRANDE TRAVERSATA DEGLI APPENNINI 😍 Una sezione selvaggia, sul crinale dell’Appennino Tosco-Emiliano e oltre, a stretto contatto con la natura e la montagna, seguendo come direttrice principale l’Alta Via dei Parchi. Noi siamo pronti a partire 😍 Voi siete pronti a seguirci? 😉 Nei prossimi giorni metteremo online gli ultimi racconti relativi alla Prima Sezione, fino a Pontremoli… poi faremo il possibile per tenervi aggiornati, con storie e foto sui nostri progressi sull’Alta Via… ma gli aggiornamenti saranno sporadici. Il “problema” è che avremo pochissimo segnale telefonico (e ancor meno segnale 4G), ma…

Continua a Leggere

Boschi delle Fate o Boschi delle Streghe?

  Lasciamo Bardi e ci dirigiamo verso Borgo Val di Taro. La mia sorpresa e meraviglia nel cambio repentino di paesaggio è costante. La giornata odierna è caratterizzata dai boschi. Sono boschi strani. Alberi altissimi che bloccano i raggi solari. Vegetazione lussureggiante, che talvolta ricorda la giungla. Sottobosco pulito, con ciuffetti di erbetta dal verde brillante. Una leggera nebbiolina rende i contorni poco definiti. E uno strano silenzio, interrotto di tanto in tanto dal cinguettio degli uccelli, rende surreale il paesaggio. Ma la cosa più anomala è la sensazione di non essere soli. Mi sento osservata; come se nel bosco…

Continua a Leggere

Boschi delle Fate o Boschi delle Streghe?

Lasciamo Bardi e ci dirigiamo verso Borgo Val di Taro. La mia sorpresa e meraviglia nel cambio repentino di paesaggio è costante. La giornata odierna è caratterizzata dai boschi. Sono boschi strani. Alberi altissimi che bloccano i raggi solari. Vegetazione lussureggiante, che talvolta ricorda la giungla. Sottobosco pulito, con ciuffetti di erbetta dal verde brillante. Una leggera nebbiolina rende i contorni poco definiti. E uno strano silenzio, interrotto di tanto in tanto dal cinguettio degli uccelli, rende surreale il paesaggio. Ma la cosa più anomala è la sensazione di non essere soli. Mi sento osservata; come se nel bosco ci…

Continua a Leggere

I giovani e l’Appennino

La mattina partiamo presto in direzione Bardi. La Via degli Abati oggi propone delle alternative: una variante bassa, a mezza costa, e una variante alta che porta sul crinale del Monte Lama, da dove tutti ci dicono si abbia una vista spettacolare a 360 gradi del paesaggio circostante. Secondo voi, quale sentiero prendiamo? 😅 Il programma è seguire la variante alta, anche se più lunga e con più dislivello. Tuttavia, quando arriviamo al bivio, il cielo è pieno di nuvole nere cariche di pioggia😥 Siamo indecisi. Esitiamo. Alla fine decidiamo che non ha senso rischiare di camminare sul crinale sotto…

Continua a Leggere

Meravigliosi Campi di Lavanda e Orto Sinergico

Raggiunto Groppallo, la sera siamo ospiti di Davide e Domenico. Avrei un capitolo intero da raccontare su di loro e la loro Azienda Agricola “Roncolo Bosco”. Come riassumere in pochi paragrafi? Immaginate un bellissimo podere, in pietra, ristrutturato in modo da conservarne l’aspetto e le peculiarità storiche. Ristrutturato durante un arco di ben sette anni, dal duro lavoro di Davide e Domenico. Un giardino fiorito davanti a casa. Poco oltre, una coltivazione ben curata di lavanda, che con i suoi colori e profumi inebria gli occhi e la mente. E lì, a fianco, un orto sinergico con erbe officinali ed…

Continua a Leggere

Il maiale in cantina😅

No, no! Non è il nome di un ristorante o qualche invenzione di Marco per la pausa pranzo! È il nome di un percorso ideato da “Trail Valley” per far conoscere il territorio e l’Alta Val Nure. Questi ragazzi (che a breve contatteremo per approfondire il loro lavoro) hanno creato una serie di percorsi dai nomi estremamente curiosi: il maiale in cantina, il dipinto perduto, la torre solitaria… ed ognuno di questi percorsi vi porta a scoprire una piccola perla del territorio. Un modo decisamente fantasioso per portarvi sui sentieri della zona, in allegria e con curiosità.     Abbiamo seguito…

Continua a Leggere

  • Categorie