Ritorno alla civiltà

Dopo una giornata di relax in riva al lago, la mattina ci svegliamo piacevolmente riposati… con nuvoloni neri e pioggia 😱

In realtà il cielo è diviso in due: blu con nuvoloni bianchi da un lato, nero carico di pioggia dall’altro.

Approfittiamo di un’attimo di pausa della pioggia per chiudere tenda e zaino, fare colazione, e metterci in cammino prima che i nuvoloni neri giungano sopra di noi.

La traccia GPS dice che mancano solo otto chilometri all’uscita del parco nazionale.
Quello che non ci dice è che quegli otto chilometri sono tremendi. Si comincia a salire, per poi ridiscendendere al livello del lago. Per poi risalire… e poi ridiscendere…
E i sentieri sono orribili. Scivolosi, ripidi e pieni di rocce.
In alcuni casi devo usare le mani per tirarmi su.
In discesa, per paura di scivolare, preferisco usare una mia tecnica personale di “alta montagna” 😂: sedermi sulla roccia e lasciarmi scivolare “di culo” sulla roccia sottostante. Pantaloni da lavare, ma almeno non rischio di cadere e farmi male 😂

Aggiungiamoci il meteo pazzerello: piove per dieci minuti e poi esce il sole. Poi ricomincia a piovere… e torna il sole… e poi piove… 😱
Così per tutte le tre ore necessarie per fare otto chilometri 😱

Man mano che ci avviciniamo all’entrata del parco, ecco apparire alcuni “scorrimano” e scalette in legno, per aiutare nei passaggi difficili.
Peccato che il legno delle scale sia mezzo marcio. Ogni passo ho paura di sentire il legno che si spezza.
E lo scorrimano? Traballa tutto 😰Se ti appoggo rischi di trovartelo in mano 😰
Forse era meglio se li toglievano del tutto 😂

Durante questi ultimi chilometri abbiamo costantemente una bellissima vista del Lago Cochrane, con le sue piccole baie e lagune.
Il paesaggio è bello, ma anche un po’ monotono.
Nulla a che vedere con i paesaggi attraversati pochi giorni fa nella zona del Jeinimeni. Lì veramente si percepiva la potenza della Natura nella sua forma più primitiva.

E così, tra pioggia e sole, raggiungiamo la casetta dei ranger. Altri quattro chilometri di stradine… ed ecco le prime case, nella periferia di Cochrane.

La traversata è conclusa. Siamo tornati alla civiltà 😄

Commenti chiusi