Ospitalità ed Accoglienza

La strada procede dritta e infinita. Sono chilometri e chilometri di strada piatta, che ci permette di riabituare le gambe al cammino e schiena e spalle al nuovo zaino con maggio peso.

Altra costante è il vento, che varia di potenza, ma è sempre presente.

La notte, per evitare di mettere la tenda in zone così ventose, e rischiare di trovarci senza tenda, bussiamo alle porte delle Estancias che incontriamo e chiediamo se hanno un locale riparato o un angolo protetto dal vento dove porre la tenda.

Riceviamo sempre una risposta positiva. Di solito ci indicano qualche casina o dependance dove poter mettere materassino e sacco a pelo. Sempre con tetto sopra la testa, protetti da vento e pioggia.

C’è un clima di accoglienza e sicurezza incredibile.
Spesso mi capita di pensare e chiedermi se in Italia sarebbe la stessa cosa. Due stranieri, con uno zaino in spalla, un po’ impolverati e stanchi, che ti bussano alla porta… senza sapere chi siano gli permetti di entrare in casa tua o in pezzi della tua proprietà, senza chiedere spiegazioni o altro.
Non so… per me è cosi strano… ma per loro invece sembra una cosa così normale…

Ti fanno sentire sicuro e tranquillo. È una bella sensazione 😊

O forse vedono la faccia stanca e distrutta di Marco e non hanno il coraggio di mandarci via 😂😂😂

È anche vero che per ora siamo stati completamente fuori dai cammini tradizionali e percorsi dai turisti.
Ho quasi paura di ciò che troveremo tra qualche giorno, quando arriveremo a Puerto Natales, punto di partenza per vari trekking e zona ultraturistica.
In queste settimane ci siamo così abituati ad essere da soli, che l’idea di incontrare altri stranieri, qui in vacanza, mi preoccupa parecchio.
Sono alla costante ricerca di strade e sentieri che permettano di stare “off the beaten track”, ma a volte non è facile, non ci sono alternative.

Comunque, le esperienze accumulate fino ad ora sono estremamente positive 😊

Ieri sera, per esempio, abbiamo dormito in uno stanzone che usano per fare le feste.
Un mega-camino al centro… tavolate lunghissime… strani rampicanti che cadevano dal soffitto. E fuori bellissime aiuole colorate da papaveri giganti. Meravigliosi 😍

Ma la cosa più strana è stata la mattina, quando siamo andati a salutare il proprietario e ci siamo trovati con un pinguino sul tetto 😱
Ci racconta che erano due anni che non tornavano… e ora eccoli qui 😊Sono tornati a fargli visita 😍

Commenti chiusi